Notizie

DOG PRIDE - Ringraziamenti

A.R.C.U.S. ringrazia tutti coloro che hanno partecipato in massa alla manifestazione DOG PRIDE di domenica 18 novembre a sostegno dell’attività dell’Associazione, testimoniando il proprio gradimento all’iniziativa.

Un grazie particolare al Comune di QUARTU SANT’ELENA, al negozio MB GLOBAL PET di Quartu Sant’Enena, ai Gruppi KERBEROS Agility Dog, ALLEVAMENTO ICHNOS e alla SCUOLA ITALIANA CANI SALVATAGGIO sezione Sardegna.

I numeri:

82 cani iscritti alla gara di bellezza con premi per tutti gli iscritti
3 sponsor d'eccellenza: “Royal Canin”, “Forza 10” e “Monge”
20 bambini hanno partecipato al Concorso di Disegno “Come vedo il mio amico cane”

e una bella notizia ... il cucciolo di 2 mesi trovato per strada qualche giorno prima E' STATO ADOTTATO da una partecipante alla Manifestazione!!

Frequently Asked Questions

Di quali attività si occupa l’Associazione A.R.C.U.S.?

Cosa significa essere una "Unità Cinofila" operante nella Protezione Civile?

Quale impegno è richiesto per l’addestramento delle Unità Cinofile e per le altre attività dell’associazione?

Leggi tutto...

Ricerca Dispersi

Le UNITA’ CINOFILE DA SOCCORSO si occupano di:

  • ricerca di persone sepolte sotto le macerie
  • ricerca di persone disperse in superficie
  • ricerca di persone disperse sotto la neve
  • salvataggio di persone in acqua

Chiunque possieda un cane adeguato a questo tipo di attività e forti spinte di solidarietà, può diventare dopo un adeguato periodo di addestramento e il superamento di un esame attitudinale, una UNITA’ CINOFILA DA SOCCORSO VOLONTARIA.
Per quanto riguarda i cani da utilizzare, non è possibile identificare una razza piuttosto che un’altra come la più indicata per il soccorso anche se alcune, per loro caratteristiche , sono più difficilmente utilizzabili per queste attività.

L’uomo e il cane (UNITA’ CINOFILA) devono avere un buon equilibrio psico-fisico e una spiccata socialità e predisposizione verso gli altri e  per questo possono essere  utilizzati anche cani meticci e i conduttori devono godere di una buona capacità fisica per le attività in ambiente.

Durante la ricerca il cane utilizza quasi esclusivamente l’olfatto, che è il senso più sviluppato, sia per potenza che per discriminazione, cioè riesce a sentire odori che l’uomo non avverte.

Nella RICERCA DI PERSONE SEPOLTE SOTTO LE MACERIE in seguito a catastrofi come crolli, terremoti, frane, esplosioni, il soccorso avviene secondo un perfetto lavoro di equipe tra uomo e cane. Tutto è affidato al fiuto straordinario del cane, che è in grado di identificare l’odore dei dispersi che passa attraverso le macerie e indica quindi alle squadre di soccorso dove è opportuno scavare.

La RICERCA DI PERSONE DISPERSE IN SUPERFICIE richiede e impegna un sempre maggior numero di Unità Cinofile, dato che sono sempre più le richieste di interventi di questo tipo. L’addestramento in questo caso prepara i cani ad essere in grado di operare con qualsiasi tipo di terreno, se necessario anche di notte, e segnalare il ritrovamento, non soltanto abbaiando, ma anche guidando i conduttori e i soccorritori fino al disperso.

Nella RICERCA DI PERSONE DISPERSE SOTTO VALANGHE il cane deve essere dotato di una grande resistenza fisica, soprattutto alle basse temperature e del senso dell’olfatto e dell’udito molto sviluppati per localizzare eventuali segni di presenza umana sotto la neve o il ghiaccio. Il cane segnala il ritrovamento del disperso raspando delicatamente la superficie nevosa, evitando rumori o movimenti eccessivi che possono provocare altre slavine. Trattandosi di una ricerca in condizioni ambientali spesso molto difficili, l’unità cinofila deve possedere grande determinazione e capacità di concentrazione.

L’unita cinofila che lavora per il SALVATAGGIO IN ACQUA ha il compito di portare in salvo la persona in difficoltà. Il cane entra in acqua con il suo conduttore (che deve essere un bagnino con brevetto) e indossa una speciale imbragatura, alla quale il conduttore assicura la persona in difficoltà, per poter essere trainata fuori dll’acqua. E’ evidente che sia il cane che il suo conduttore, devono essere esperti nuotatori. A questo scopo vengono più frequentemente utilizzati i Terranova e i Retriever (Golden e Labrador), per la grande naturalezza e capacità a lavorare nell’ambiente acquatico.

Per ognuna delle specializzazioni descritte, l’addestramento dura mediamente 2 anni. Al termine del percorso formativo, l’unità cinofila da soccorso deve essere abilitata mediante un BREVETTO OPERATIVO, che viene rilasciato dopo aver superato un esame alla presenza di giudici nominati dall’E.N.C.I. (Ente Nazionale per la Cinofilia in Italia).